domenica 19 ottobre 2008

Wall-E

Wall-E è un robottino programmato per il compattamento dei rifiuti e come i suoi simili viene lasciato sulla terra per ripulirla mentre gli esseri umani si godono una "crociera spaziale". Ma qualcsa in questo piano non và e dopo quasi 800 anni il nostro protagonista è ancora lì, sulla terra, ormai ultimo del prorpio genere. La prima fase del film è davvero molto poetica ma proprio per il suo stile sconsigliabile ai più piccoli, pena una noia infinita per loro. La seconda parte è invece più simile ai soliti film d'animazione, infatti tornano le parole, assenti nella prima parte.

Come tematiche particolamente impegnato per l'ecologia, argomento davvero inaspettato da un paese che non ha mai sentito il bisogno di parlarne e che ha da sempre messo in primo piano lo sviluppo e lo sfruttamento delle risorse naturali.

Particolarmente azzeccato l'utilizzo dei suoni utilizzati come voci dei vari robot, infatti sono opera dello stesso genio che diede la voce a r2-d2 di star wars.

Un film molto bello e godibile, ma solo per un pubblico adulto. Non sarà però ricordato come un capolavoro anche se è apprezzabile lo sforzo di ottenere un film decisamente fuori dal coro.

4 commenti:

Cammy ha detto...

Davvero bellissimo. Niente falsi moralismi, una tecnica eccellente utilizzata in modo innovativo e intelligente. La pixar non mi ha mai deluso ma questa volta mi ha stupito!
Tutta la sequenza iniziale è spettacolare, nonostante l'assenza di dialoghi, è molto loquace.
Io invece credo proprio che verrà ricordato come un capolavoro. Non tanto perchè è "fuori dal coro" ma perchè è intelligente. Tutto. Il modo in cui hanno combinato tecnica, fantasia e realtà non si è mai visto prima. E' un passo avanti nell'animazione.

Marco ha detto...

ti spiego subito perchè non sarà un capolavoro. quano un film mi piace molto di solito me lo riguardo nei giorni successivi, ad esempio rimanendo nel genere ratatuille e kung fu panda li ho visti 3 volte nel giro di 5 giorni. onestamente se qualcuno mi chiedesso ora di tornare a vedere questo film ne avrei davvero poca voglia. Però che io e te la pensiamo in maniera inversa è normale, perchè tu darai molta importanza all'aspetto grafico mentre io la grafica non la considero, incentrandomi piuttosto su quanto la trama sappia catturare la mia attenzione. Ad esempio io adoro south park... ;)

Cammy ha detto...

Però Marco devi considerare che un film verrà o meno considerato un capolavoro non certo perchè tu te lo sei rivisto 3 volte. Se intendi dire che solo dal tuo punto di vista non lo sarà mai, lo capisco.
Io non guardo solo l'aspetto grafico, ma quando giudico un film sto attenta a tutto. La sceneggiatura, la regia, i temi trattati, il character ecc.
Anche io adoro south park e penso che sia una gran genialata sia per le tematiche e il modo di affrontarle e ti dirò, lo stile di south park (se l'hai citato come esempio di cartoon con temi d'effetto ma con una grafica scarsa) lo trovo geniale. Con poco hanno saputo rendere molto. Anche questo è importante e non sminuisce lo stile e la tecnica.

Laura Pozzi ha detto...

Non l'ho ancora visto, ma mi ispirava... Tuttavia mi aspettavo qualcosa di diverso rispetto a ciò che dici. Ti farò sapere quando lo andrò a vedere. =)